Calcolo F24 TASI 2016-2017: come calcolare l’importo con o senza siti internet

Written by | Economia

tasi

Con la fine dell’anno arrivano anche le scadenze di alcune tasse da pagare. In particolare il prossimo 16 dicembre toccherà al pagamento di Imu e Tasi. Vediamo insieme come calcolare la Tasi e come compilare il modello F24.

Tasi chi deve pagarla e chi invece è esente

Il prossimo 16 dicembre giungerà a scadenza il periodo di pagamento della Tasi. Nella giornata della scadenza, nello specifico, si richiederà il pagamento del saldo della tassa, dato che l’acconto sarebbe dovuto essere stato versato lo scorso giugno.

La Tasi è un tributo per i servizi indivisibili che riguardano il sostegno della polizia locale, protezione civile, viabilità, la tutela dell’ambiente e del verde pubblico e di tutti gli altri sevizi pubblici, gestiti dal Comune, che non sono quantificabili per singolo cittadino.

Sono dovuti a versare la Tasi tutti coloro che sono proprietari di un immobile, anche se la legge ha previsto delle esenzioni e delle riduzioni. Nel particolare, non sono dovuti al versamento dell’imposta i proprietari di prime casa immobili posseduti da enti pubblici, fabbricati a uso agricolo, a uso culturale o esclusivo del culto, i fabbricati appartenenti alla chiesa, a Nazioni estere oppure a organizzazioni internazionali. Sono esenti da Tasi anche gli immobili inagibili e inabitabili.

La legge, invece, prevede riduzioni dell’importo da versare per abitazioni con un unico occupante, usate stagionalmente o comunque poco frequentemente, abitazioni con persone che risiedono per più di sei mesi l’anno all’estero, e fabbricati rurali ad uso abitativo.

Come calcolare l’imposta e come compilare il modello F24

Il calcolo dell’imposta è molto semplice. Potrete farlo voi manualmente avvalendovi di una calcolatrice, oppure compilando gli schemi presenti sui diversi siti web come il sito AmministrazioniComunali.

Per poter effettuare il calcolo avrete bisogno di conoscere determinati dati che andranno a comporre la vostra base imponibile. In particolare, vi serviranno la rendita catastale e l’aliquota da applicare, che cambia da Comune a Comune. Per conoscere quest’ultima potrete rivolgervi al sito istituzionale del comune di riferimento.

Il calcolo della propria base imponibile sarà il seguente: [rendita catastale + (rendita x 0,05)] x coefficiente. Al totale dovranno essere sottratte eventuali agevolazioni e detrazioni, oltre all’importo già pagato a giugno.

Il pagamento della Tasi può avvenire mediante la compilazione del modello F24 (sul sito di AmministrazioniComunali troverete un’utile guida) o con bollettino postale. Molti siti di Home banking, inoltre, permettono di effettuare il pagamento direttamente dalla propria area web riservata.

Per ulteriori chiarimenti si invita gli interessati a rivolgersi alle proprie amministrazioni comunali, presso gli sportelli interessati.

Last modified: 14 dicembre 2016