fermenti lattici, a cosa servono e quali acquistare

Written by | Salute

yogurt bianco con fermenti lattici

Cosa sono i fermenti lattici e quali funzioni svolgono

In natura, esistono dei microrganismi unicellulari che producono enzimi in grado di causare la fermentazione delle sostanze organiche contenenti zuccheri. Fra questi organismi microscopici, delle dimensioni di circa 1/1000 di millimetro e misurabili in µ (micron), troviamo i fermenti lattici. Tali microrganismi, denominati anche probiotici, se arrivano indenni nell’intestino, sono batteri e lieviti, vivi e attivi, capaci di indurre la fermentazione degli zuccheri, con conseguente produzione di acido lattico. Le funzioni principali svolte dai fermenti lattici, sono di limitare l’azione nociva dei batteri putrefattivi e patogeni, di idrolizzare il lattosio e scinderlo in galattosio, glucosio e acido lattico, di favorire la digestione e di aiutare le contrazioni dell’intestino. Le famiglie più comuni di probiotici sono quelle dei Bifidobatteri, dei Lattobacilli e dei lieviti Saccharomyces boulardii.

Principali impieghi terapeutici dei fermenti lattici

I fermenti lattici vengono impiegati in medicina, attraverso gli integratori dietetici, con lo scopo terapeutico di stimolare il sistema immunitario, di agire da antagonisti contro le salmonelle e i colibatteri, e di ricostituire il microbioma, cioè la flora batterica intestinale. L’equilibrio batterico nell’intestino, infatti, può venire danneggiato da patologie intestinali, stress psico-fisico e da trattamenti antibiotici aggressivi e prolungati. A tal riguardo, i fermenti lattici possono essere impiegati per prevenire i danni delle cure antibiotiche all’intestino. Come già sottolineato, i probiotici rafforzano il sistema immunitario, caratteristica importante da sfruttare nei cambiamenti di stagione, soprattutto, dai soggetti più fragili, come i bambini e gli ammalati. Inoltre, i fermenti lattici favoriscono l’assorbimento delle vitamine e dei minerali, aiutano a guarire dalle infezioni e riducono la risposta ai fenomeni allergici e all’intolleranza al lattosio.

Quali sono i migliori fermenti lattici da acquistare

I migliori fermenti lattici da acquistare sono i ceppi batterici più adatti alla cura del proprio problema di salute, oppure quelli specifici per prevenire le problematiche gastrointestinali tipiche dei viaggiatori. Al riguardo, numerosi studi scientifici hanno dimostrato come i supplementi di batteri probiotici possano curare diversi tipi di patologie, ad esempio:

  • per risolvere le coliche dei neonati e la candida negli adulti, migliorare lo stato dell’apparato digestivo e ridurre gli effetti negativi dei trattamenti antibiotici è particolarmente efficace l’utilizzo del Lactobacillus Acidophilus;
  • per attenuare i sintomi della sindrome da intestino irritabile si possono prendere il Bacillus coagulans, il Lactobacillus Casei e il Lactobacillus Plantarum;
  • per migliorare l’eczema atopico è adatto il Bifidobacterium Animalis;
  • contro i dolori addominali è utile il Bifidobacterium Infantis;
  • per assorbire al meglio i micronutrienti è importante il Bifidobacterium Bifidum;
  • per stimolare il sistema immunitario e risolvere una forte diarrea sono da preferire il Lactococcus Lactis e il Lactobacillus Rhamnosus, in associazione con il lievito Saccharomyces boulardii;
  • per curare la diarrea dei bambini va bene il Lactobacillus Reuteri;
  • volendo prevenire il raffreddore si può utilizzare il Lactobacillus Paracasei.

Fra gli altri consigli, è preferibile assumere ceppi batterici polivalenti, cioè costituiti da più tipologie di probiotici, a stomaco vuoto e per un periodo minimo di un mese, tempo utile a ricostituire la flora batterica intestinale.

Quali sono le fonti alimentari di fermenti lattici

Le più comuni fonti alimentari di fermenti lattici sono lo yogurt e il kefir. Lo yogurt è un alimento ottenuto dalla fermentazione del latte, a opera di batteri, quali i Lattobacilli Bulgaricus e gli Streptococchi Lattici. Alcuni yogurt contengono dei lieviti, per esempio, i Saccaromiceti, e anche il Lactobacillus Acidophilus e il Bifidus. Lo yogurt è ricco in vitamine del gruppo B e il suo consumo è utile contro i fenomeni putrefattivi nell’intestino. Il kefir è una bevanda fermentata di origine caucasica, preparata col latte, ricca di minerali, come calcio e fosforo, e di aminoacidi. Questa bevanda probiotica contiene sia batteri che lieviti e buone quantità delle vitamine B9 e B12. Per concludere, è bene sapere che il consumo di sostanze prebiotiche, come le fibre, favoriscono la vita dei batteri buoni, inoltre esistono integratori simbiotici che combinano i probiotici con i prebiotici.

 

Last modified: 13 aprile 2017