Bonus Bebè 2017 neonati italiani e stranieri: novità e importo mamma domani, come funziona e requisiti

Written by | Italia

bonus bebè 2017

Il Bonus Bebè 2017 è stato esteso per tutti i bambini nati tra il 2015 e 2017, sia italiani che stranieri con permesso di soggiorno. Gli importi si aggirano fino ad un massimo di 160 euro. Scopriamo come funziona, tutti i requisiti necessari e chi può fare richiesta.

Novità Bonus Bebè 2017 neonati italiani e stranieri

Tra le tante novità approvate con la Legge di Bilancio 2017, (Leggi di Stabilità), presentata il 15 ottobre 2016 e approvata dal Senato il 07 dicembre 2016, tra cui quelle rivolte alle mamme. Il Governo con l’approvazione della Legge di Stabilità 2017, ha previsto 4 tipologie di aiuti per tutte le mamme:

– il bonus bebè;
– il nuovo bonus nido che prevede 1.000 euro all’anno;
– il bonus mamme domani da 800 euro;
– e la riapprovazione del il bonus baby sitter e asilo nido.

Il Bonus Bebè approvato con la Legge di Stabilità 2017, ha una durata di 3 anni, e spetta a tutti i bambini da 0 a 3 anni; e ai bambini adottati o in affido. Il bonus bebè vale per tutti i bambini nati tra il 1 gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017. Il bonus prevede 80 euro al mese per le famiglie con un reddito massimo di 25 mila euro annuo, per 3 anni. Mentre per chi ha un reddito sotto i 7 mila euro, sono previsti 160 euro al mese per 3 anni.

In più, avranno il diritto di richiedere questo bonus, anche gli stranieri con permesso di soggiorno.

Un’altra novità importante introdotta con la Legge di Stabilità 2017 è il Bonus mamme domani da 800 euro. Un bonus di 800 euro destinato alle donne al settimo mese di gravidanza nel corso del 2017. Questo bonus prevede un contributo economico saltuario a sostegno della neo mamma, per aiutarla nelle spese prima necessità e anche in quelle mediche. Il reddito massimo per ottenere questo aiuto è di 13 mila euro.

Altro aiuto importante approvato con la Legge di Bilancio 2017, è il Bonus nido da 1000 euro. Il bonus permetterà di ricevere un sostegno economico di 1000 euro l’anno, per il pagamento del nido pubblico e privato. L’aiuto finanziario sarà valido fino al terzo anno di età del bambino. Sarà necessario fornire i dati del costo della retta da pagare, presentando la documentazione all’Inps. Questo bonus è valido tutte le famiglie e per bambini adottati, indifferentemente dal reddito.

Come fare domanda per i Bonus

Chi è in possesso dei requisiti necessari, potrà richiedere i bonus attraverso un patronato o attraverso il sito online dell’Inps.

Per quanto riguarda gli stranieri è necessaria essere in possesso della residenza in Italia. La richiesta del bonus, va inoltrata entro 90 giorni dalla nascita del bebè o dal momento in cui i bambini adottati siano entrati a far parte della nuova famiglia.

Per godere tutti gli anni del bonus, sarà necessario rinnovare l’Isee, indicatore della situazione economica equivalente, in modo da mostrare di continuare a rientrare nei requisti richiesti.

Nel caso in cui l’Inps dovesse rifiutare la domanda, questa si potrà ripresentare attraverso un modello di domanda presente nella circolare n. 214/2016 presso i Patronati o sul sito INPS.

Last modified: 10 Dicembre 2016