Elezioni anticipate o meno è scontro nel Pd

Written by | Politica

renzi-pd

Anche da separati, continuano a darsi botte da orbi gli Scissionisti contro Renziani. Dai complotti alle elezioni anticipate. DP contro PD. Adesso che il divorzio è consumato, non ci sono più limiti alle reciproche accuse. Renzi individua come unico regista della frattura del Partito Democratico: Massimo D’Alema. Secondo Renzi, la scissione è parso un disegno già scritto, ideato è prodotto da D’Alema. Sulle elezioni antipate Renzi le vuole nel 2018.

La replica degli ex PD

Dei democratici progressisti,  gli ex Pd per intenderci, la replica arriva dal governatore Rossi. Lo definisce un  leader arrogante, ossessionato da D’Alema. Non esiste alcun burattinaio nel nostro movimento, avverte Rossi!  Sicuro che il suo nuovo soggetto politico, fermerà i 5 Stelle.

Quanto all’alleanza con il Pd, il presidente della Toscana dice che con Orlando segretario, sarebbe tutto più facile. D’Alema a parte, Roberto Speranza, che rigetta sull’ ex segretario la responsabilità della cessione del Pd, mette in guardia il premier Gentiloni “Stia attento si guardi da Renzi che è ambiguo!”, sottolinea l’altro fondatore DDP, “Noi garantiamo il sostegno al governo.

Il Tradimento degli scissionisti e le elezioni anticipate

Matteo Renzi prende le distanze dalle polemiche sulla durata della legislatura, le elezioni dice, sono previste nel 2018 e se Gentiloni vuole votare prima lo deciderà lui.

Rientrato dal viaggio nella Silicon Valley californiana Renzi ribatte su Rai 3 alle accuse degli scissionisti. Era tutto scritto, ideato è prodotto da D’Alema. Attacca: “Mi sono dimesso perché era giusto per poter scegliere il nuovo leader e loro se ne sono andati lo stesso. Credo che questa scissione, sia una cosa di Palazzo. La stanno facendo sulla data del Congresso ma io farò di tutto perché si vada avanti il più possibile insieme.

Elezioni anticipate e reddito di cittadinanza

Quanto alle elezioni anticipate Renzi precisa: “Sono previste nel 2018 ma se Gentiloni vorrà votare prima lo deciderà lui. Gentiloni può stare sereno? Se rispondo sì lui si preoccupa” aggiunge con una battuta. L’ex segretario del Pd parla anche di tasse: “Abbassarle è un dovere” e rilancia la proposta di reddito di cittadinanza, subito bollata dai 5 Stelle come bieca propaganda.

Renzi e l’Europa

In Europa è giusto che Padoan abbia tutte le rassicurazioni da Bruxelles per evitare la procedura di infrazione. Il ministro Orlando, candidato alla segreteria del partito dice: “Mi fa piacere che Renzi si ponga il problema del lavoro, noi stiamo lavorando ad una proposta che presenteremo nei prossimi giorni.”

Il ritorno in Tv di Renzi coincide con una giornata di tensioni tra Renziani ed ex Pd.

Articolo 1 Movimento Democratico e Progressista

Renzi ha distrutto il partito, il suo errore è stato il familismo, ma noi saremo comunque forti con 50 parlamentari, avverte il co-fondatore di Articolo 1 Movimento Democratico e Progressista, Roberto Speranza. E a Gentiloni dice: “Il governo deve avere paura di Renzi non di noi.”

Ma il nuovo soggetto politico, appena nato, potrebbe scatenare una guerra di carte bollate. Alcuni espone di Renziani accusano gli Scissionisti di aver copiato sia il nome abbreviato DP, già depositato

da tempo alla camera, sia la sigla Articolo 1. Sognavano di nascere originali e invece si scoprono copie commentano lo scontro è solo all’inizio.

Last modified: 27 febbraio 2017